Il Dollar Index

Il dollar index è uno strumento che è stato sviluppato per rispondere ad una semplice domanda: quanto vale il dollaro USA?

Sappiamo bene che i cambi principali del forex sono le coppie major (EURUSD, GBPUSD, USDJPY, USDCHF, AUDUSD, NZDUSD, USDCAD) le quali esprimono il valore di 7 valute principali contro il dollaro americano. Ma come si fa per avere un indicatore della forza del dollaro USA in termini generali, non solo verso una singola valuta estera?

A questa esigenza risponde il Dollar Index. Si tratta infatti di un indicatore che esprime la forza del dollaro in termini globali. Di questo strumento esistono 3 versioni. Vediamole.

1. ICE US DOLLAR INDEX

La prima versione del Dollar Index si chiama USDX ed è quotata sul circuito ICE come contratto future. Si tratta di una media geometrica di 6 cambi principali, ai quali sono attribuiti pesi differenti a seconda dell’importanza. Ecco la sua composizione:
usdx-components

La quotazione parte da un valore normalizzato pari a 100.000 punti nel Marzo 1973. L’andamento di questo indice è molto semplice da interpretare: sale quando il dollaro acquista forza nel confronto delle altre valute, e scende quando il dollaro si indebolisce.

Per coloro che fanno trading con i cfd, una replica di questo indice è offerta da ActivTrades con il cfd US Dollar Index (sigla USDInd), con scadenza trimestrale. Il contratto ha un valore standard di 1.000$ a punto e può essere frazionato fino ai mini lotti (size 0,01). Prendendo la quotazione del 1 aprile 2015 pari a 98,705 avremmo un controvalore di 98.705$ per un lotto intero (size 1,00) e una variazione di 10$ per ogni pip (il pip in questo caso è la seconda cifra decimale, ad esempio da 98,705 a 98,715).

2. Dow Jones CME FX$ INDEX

La seconda versione del Dollar Index si chiama FX$INDEX ed è quotata come future sul circuito CME della borsa di Chicago. Le differenze principali rispetto al USDX consistono nella scelta delle valute e nella direzione dell’indice.

Infatti, l’indice FX$INDEX è un basket di 7 future regolamentati, regolarmente scambiati sul CME, con pesi differenti: EUR, JPY, GBP, CHF, CAD, AUD. Scompare quindi la corona danese ed entra una commodity currency come l’aussie (dollaro australiano).
CME USD INDEX

La seconda differenza è che, dato che nei future CME le valute estere sono al numeratore e USD al denominatore, nel FX$INDEX un movimento al rialzo dell’indice segnala un rafforzamento delle altre valute e quindi un indebolimento del dollaro. Il suo andamento quindi è correlato negativamente alla forza del dollaro.

Il valore di questo future è pari al valore del basket diviso 10 e la sua quotazione nel Nov2010 era intorno a 144.700$ (vedi tabella sopra). Le sue variazioni sono di 10$ per ogni pip. Il peso di ogni valuta in termini finanziari all’interno del basket può cambiare, dato che rimane fisso il numero di contratti che entrano nel basket.

3. FXCM DOLLAR INDEX

Il broker FXCM è uno dei leader a livello mondiale nel mercato forex spot e ha inserito nella propria piattaforma un cfd che offre una versione semplificata del Dollar Index originale. Infatti il cfd di FXCM pesa in egual modo 4 valute principali contro dollaro: EUR, GBP, JPY, AUD. Il suo andamento è quindi correlato direttamente alla forza del dollaro.
USD index FXCM 1

Considerando che il lotto standard vale 1$ a punto indice, il calcolo del controvalore è molto semplice. Prendiamo la quotazione del 1 aprile 2015 pari 12058, il contratto vale 12058 dollari e ha una variazione di 1$ ogni pip, ad esempio da 12058 a 12059.

CONCLUSIONI

A prescindere dalla diversa composizione, l’utilità di questo strumento è evidente, perché fornisce una misura della forza della dollaro più stabile delle singole coppie valutarie che lo compongono e permette di identificare trend direzionali più puliti e più affidabili dei singoli cross.

Corso di strategie intraday

Ho raccolto in unico corso una panoramica di differenti strategie intraday, che vanno dal breakout di volatilità, allo swing trading, all’operatività trend following.intraday 2

Il corso si svolge interamente online e può essere scaricato in formato digitale come video mp4, per vederlo comodamente sul proprio PC. Nel corso è compreso un ebook pfd di oltre 100 pagine e tutti gli indicatori  per MT4.SLIDE PROGRAMMA STRATEGIE INTRADAY Continua a leggere

Come proteggersi dai GAP di apertura con lo Spread Trading

Uno dei vantaggi dell’operatività in spred trading è la protezione dai gap di apertura. Proprio così: una volta impostata un’operazione in spread su due indici, se abbiamo impostato correttamente il bilanciamento market neutral, avremo a disposizione un ottimo ammortizzatore che può attenuare l’effetto di eventuali gap di apertura, fino a neutralizzarlo.
20150327 GAP STOXX-DAXVediamolo con un esempio, prendendo spunto dal recente gap down degli indici europei verificatosi con l’open di giovedì 26 marzo. Continua a leggere

La scadenza delle “tre streghe” (anzi quattro)

Questa settimane ricorre una scadenza importante sui mercati finanziari, infatti venerdì è il giorno delle tre streghe, il cosiddetto triple witching day.

Questa coincidenza si verifica ogni 3 mesi, precisamente in Marzo, Giugno, Settembre e Dicembre, il terzo venerdì del mese. Si tratta del giorno in cui scadono contemporaneamente diverse categorie di contratti derivati:
-futures su indici
-opzioni su indici
-opzioni su azioni

A questi tre derivati si è aggiunta la categoria dei future su titoli, che porta il numero di streghe da 3 a 4, quindi si tratta di un quadruple witching day.scadenze2

Continua a leggere

Corso Base di Analisi Tecnica

Per chi è alle prime armi e non ha particolare esperienza di trading online, ho preparato un corso base che fornisce gli elementi fondamentali per cominciare a muoversi tra i grafici. Si tratta di un corso per principianti, quindi non richiede conoscenze particolari, perché tutto viene spiegato in maniera chiara e semplice. Si parte dall’ABC dei mercati finanziari e si passano in rassegna gli argomenti più importanti per chi vuole fare trading online: dai pattern candlestick ai principali indicatori e oscillatori al money management agli elementi di psicologia comportamentale. Il corso costa 200€ e si può svolgere come coaching individuale della durata di una giornata intera, oppure può essere scaricato come corso online in formato digitale (video + ebook) per seguirlo da casa.

-videocorso (totale 4 ore)
-ebook pdf (totale 200 pagine)
-indicatori per MT4 (pronti da installare)
-tabella per il money management (formato XLS)

Qui sotto trovi il programma completo con tutti gli argomenti. Se desideri acquistare direttamente la versione digitale (video+ebook) basta cliccare sul link iscrizione. Il pagamento avviene via server sicuro tramite PayPal, dopo il pagamento riceverai un avviso di conferma e dopo qualche ora riceverai via mail i link per il download immediato di tutti i contenuti: video, ebook in pdf, indicatori per MT4 e tabella XLS per il money management. Continua a leggere