Corso online di Spread Trading

Finalmente è disponibile il corso online di Spread Trading!

Si tratta di un corso completo e ricco di contenuti, che parte dalla spiegazione teorica della strategia e fornisce tutti gli elementi per operare in autonomia usando i cfd per piattaforma MT4. Ti verrà spiegato passo per passo come impostare e come gestire le tue operazioni, riconoscendo segnali di ingresso, stop e target sul grafico, applicando correttamente le regole di money management. Riceverai tutti gli indicatori per MT4 necessari per impostare e monitorare le tue operazioni, insieme ad un expert advisor automatizzato realizzato su mie specifiche, per l’esecuzione automatica in modalità demo.esempio spread per post Continua a leggere

Attenzione al “repaint” degli indicatori

Stamattina il grafico del DAX a 30 tick mi ha offerto un esempio da manuale per descrivere il “repaint” degli indicatori.

Si tratta di un fenomeno a volte sottovalutato, soprattutto perché si può osservare solo in tempo reale, guardando i grafici intraday in modalità live e scompare invece se si prendono gli stessi grafici a distanza di tempo. Il repaint può dare fastidio nell’operatività intraday e diventa un problema serio quando si eseguono backtest di strategie automatiche usando i dati storici invece dei dati in real time. Per questi motivi,  è interessante conoscerlo e comprenderlo.

repaint 123Per prima cosa, cerchiamo di capire che cosa è il repaint: è un fenomeno che si verifica ogni volta che il prezzo della candela in formazione influisce anche sui valori passati dell’indicatore, in maniera retroattiva. Sembra strano, ma con alcuni indicatori questo può capitare, per effetto della loro formulazione matematica. Continua a leggere

Copper in pullback rialzista

Sul grafico daily del Copper (il future sul rame, quotato al CME) si sta costruendo un movimento di pullback molto interessante.20150216 CopperMar15Daily

Dall’inizio dell’anno, il prezzo ha reagito al rialzo sul doppio minimo in area 242$, con un movimento correttivo caratterizzato da minimi crescenti e massimi quasi allineati. La figura che si va disegnando sul grafico è riconducibile ad un wedge (cuneo), delimitato superiormente e inferiormente dalle trendline che uniscono massimi e minimi daily (segmenti blu sul grafico), con funzione di resistenza e di supporto dinamici.

Tale figura grafica solitamente funge da pattern di continuazione, quindi ci possiamo aspettare una ripresa del trend primario ribassista, tuttora evidenziato dal supertrend in colore rosso (settaggio 10;3). Il tetto del supertrend si posiziona in corrispondenza del 38% di Fibonacci calcolato sull’ultimo vettore ribassista, a partire dall’ultimo massimo crescente sul grafico.

Inoltre, la seduta di venerdì scorso ha chiuso la settimana con un forte segnale grafico: la candela daily di venerdì disegna una gravestone doji, classico pattern di inversione, collocata in posizione molto interessante. La shadow infatti fuoriesce dalla trendline dinamica di resistenza ma il close riporta il body della candela sotto la resistenza, a formare quindi un falso breakout.

In queste condizioni, valutiamo un possibile ingresso short in area 260-261, in corrispondenza dei precedenti massimi di swing. Stop loss a 266,50 sopra la shadow, target all’interno del wedge a 253$ e in estensione a 243$ in prossimità dei minimi assoluti. Il primo target ha un risk reward poco sopra la parità (circa 1,3) mentre il target successivo offre un rapporto vicino a 3. 20150216 CopperMar15Daily zoom

Ricordiamoci che siamo in compressione di volatilità e siamo sui minimi assoluti, quindi ogni scenario è possibile. Sappiamo che la domanda di rame è strettamente legata al ciclo economico, e una fase di crisi economica non sostiene il consumo di materie prime di utilizzo industriale. D’altro canto, il prezzo delle commodities incontra dei supporti fisiologici legati ai costi vivi di produzione ed estrazione, ma la dinamica del prezzo di mercato può spingere il prezzo a segnare ancora nuovi minimi prima di un possibile rimbalzo.

Osservazioni sui livelli di Fibonacci

Mi è arrivata una domanda molto interessante sui livelli di Fibonacci da parte di un iscritto al corso e ne approfitto per condividere la risposta. Cercherò di spiegare in poche parole l’utilizzo più frequente, anche se ci sono libri interi sui livelli di Fibonacci e questo argomento viene approfondito all’interno del corso avanzato di strategie intraday.

Il 11/02/15 10:03 C.M. ha scritto:

Salve Fabrizio,

Volevo chiederti come poter usare il rintracciamento di Fibonacci, mi stavo riguardando il video del corso, e poi ho avuto modo di seguire anche un’altro tuo video, con spiegazione dei numeri e la storia che li circonda, però non capisco bene come poterli usare nel trading, leggo molte volte che le candele rimangono sul 23.6 oppure 50.0 % di Fibonacci, ma non capisco se è un punto di fermo..come lavorarci sopra….spero possa rispondermi.
Grazie

——– Fine Messaggio Inoltrato ——–

All’interno del corso base abbiamo visto come si tracciano il livelli di Fibonacci: semplicemente congiungendo da sinistra verso destra gli estremi di uno swing ovvero un movimento di prezzo. A questo punto sul grafico si troveranno indicati dei livelli orizzontali di pullback (ritracciamento) intermedi tra gli estremi del vettore, posizionati ad una distanza rispettivamente di 23%, 38%, 50% e 61% dal punto di arrivo.

Esempio GBPUSD grafico M5

Semplificando al massimo, si può osservare come molto spesso, al termine di uno swing o di un movimento direzionale prolungato, il prezzo compie dei ritracciamenti che arrivano fino al 38% o al 50%, più raramente  fino al 61%. Se raggiunge il 61% e lo supera, allora con ogni probabilità il movimento ha cambiato direzione e siamo quindi in presenza di una inversione e di un nuovo trend.
Ora vediamo come si possono utilizzare operativamente i livelli di Fibonacci. Prendiamo come esempio uno swing al rialzo, come quello di GBPUSD stamattina da 1.5230 a 1.5300:-chi desidera operare contrarian, cercherà un ingresso short sui massimi in espansione, ad esempio usando le bande di Bollinger oppure gli oscillatori o altri setup di ingresso, e userà i livelli di Fibonacci come possibili target per chiudere la posizione, dato che si tratta di un ingresso contro trend, scalando eventualmente le uscite a partire dal 38% fino al 61% (grafico di sinistra)

-viceversa, chi desidera operare in modalità trend following cercherà un’occasione di ingresso long a favore del trend, e quindi aspetterà che il prezzo raggiunga tali livelli per aprire la posizione, incrementando eventualmente dal 38% al 50% (grafico di destra)
esempio FIBO long-short
>> Si possono usare i livelli di Fibonacci all’interno della strategia FX UnPlugged?Certamente, possiamo fare un uso duplice di questo strumento, a seconda che sia utilizzato in ottica di ottimizzazione degli ingressi o delle uscite di posizione. Nella valutazione di un punto di ingresso, usiamo i livelli Fibo per valutare la profondità di un ritracciamento e quindi conferire maggiore valore ad un pattern di inversione quando questo suggerisce un ingresso in favore di trend (esempio AUDJPY qui sotto). Altre volte, li usiamo per valutare aree di possibile congestione in cui chiudere la posizione in profitto oppure spostare lo stop loss in stop profit. In ogni caso, sono un utile strumento a supporto dell’identificazione di possibili aree di swing.

Esempio FIBO AUDJPY

Per approfondire l’utilizzo dei livelli di Fibonacci, puoi richiedere il programma del Corso Avanzato “strategie intraday, trend e volatility breakout” inviando un mail a: diarioditrading.it@gmail.com.

Corso Online – Strategia FX UnPlugged

Vuoi approfittare della volatilità che si sta alzando sui mercati finanziari? Vuoi imparare a fare trading sul forex con una strategia trend following? Vuoi imparare una tecnica che ti permette di dedicare meno di un’ora al giorno alla analisi dei grafici, per impostare operazioni a rischio controllato di medio periodo?

Se hai risposto SI ad almeno una di queste domande, allora la strategia FX UnPlugged può essere uno strumento valido per la tua formazione di trader. Si tratta di una tecnica operativa da applicare sul mercato forex, analizzando i grafici daily e impostando solo operazioni trend following secondo precise regole per riconoscere i setup di ingresso e applicando condizioni di money management rigorose per la protezione del portafoglio.

L’intera strategia FX UnPlugged è disponibile al prezzo di 90€ tramite un videocorso online che comprende 5 bonus.

1-2-3-4-5-fingers-on-hand1
1) videocorso da scaricare su PC (oltre 2 ore)
2) ebook in pdf con tutte le slide della presentazione (90 pagine)
3) file excel per il money management
4) simulazione 2010-2013 (report integrale con dettaglio singole operazioni)
5) 2 mesi di abbonamento alla newsletter operativa, con aggiornamento quotidiani via mail

Per acquistare l’intero pacchetto, cioè 5 bonus al prezzo di 90€, è sufficiente cliccare su questo bottone e verrai indirizzato sul sito PayPal per il pagamento in completa sicurezza:

download

Riceverai entro 1 ora la mail di conferma dell’avvenuta iscrizione, poi in meno di 24 ore riceverai tutto il materiale in download. Potrai scaricare tutto sul tuo PC, per rileggere e e rivedere il corso ogni volta che vuoi. Potrai sempre contattarmi via mail per approfondimenti o chiarimenti.

Se vuoi imparare, agisci subito. Clicca qui e scarica il tuo corso online FX UnPlugged.

La LEVA finanziaria

In questo articolo spieghiamo alcuni aspetti fondamentali legati al concetto di leva finanziaria, che riveste un ruolo di primaria importanza nella gestione del capitale e del rischio collegato al trading online.

Innanzitutto, occorre fare una netta distinzione tra due concetti apparentemente simili ma molto diversi tra loto: la leva conto e la leva operativa. Si crea spesso molta confusione tra questi due concetti, con conseguenze catastrofiche sulla gestione del capitale. Spieghiamo quindi le differenza, con un semplice esempio.

Supponiamo di avere un conto trading con un capitale disponibile di 10.000€ e di aprire una posizione di un lotto sul cambio EURUSD, cioè una size di 1,0 con un valore nominale di 100.000€. E supponiamo di simulare questa operazione con differenti broker, che offrono una diversa leva operativa: 50, 300 oppure 400.slide LEVA finanziaria

Continua a leggere